MUSICA, LA PROGRAMMAZIONE DI PUGLIA SOUNDS

Lo scorso 14 dicembre nella Mediateca regionale di Bari, l’assessore all’Industria Culturale Loredana Capone, il coordinatore di Puglia Sounds Cesare Veronico e il direttore del Dipartimento Turismo, Economia della Cultura e Valorizzazione del Territorio della Regione Aldo Patruno hanno delineato le linee guida della nuova programmazione dell’industria musicale pugliese, attraverso l’azione di Puglia Sounds. A rappresentare Dialogoi il presidente di Bug Music Vito Santamato, referente del settore musicale del Distretto. “L’orientamento – hanno detto i rappresentanti regionali – sarà sempre più verso l’innovazione e la formazione, con il ripristino di alcune attività per incentivare la registrazione dei dischi, record, o tour di musicisti pugliesi all’estero, export”. Un occhio di riguardo sarà dato al “green”, ovvero a tutto ciò che sarà prodotto in maniera ecosostenibile. La scorsa edizione di giugno ha suscitato polemiche tra gli operatori culturali, che l’hanno definito un concorrente alle loro attività, sia per il periodo in cui si è svolta, che per la gratuità di molti eventi. Altro tema della discussione è stato l’utilizzo dei soldi pubblici, che per alcuni protagonisti del settore sono stati usati senza alcuna ricaduta sul territorio e sugli interessati. In tal senso, l’assessore Capone e il Coordinatore Veronico hanno ribadito “che l’edizione 2017 è stata concepita come straordinaria, a voler testimoniare la chiusura di un periodo e l’inizio di una nuova gestione”. I responsabili di Puglia Sounds hanno quindi chiesto la collaborazione di tutti i rappresentanti culturali, per inserire nelle iniziative come il Medimex, o nei prossimi bandi, progettualità sempre più adatte al coinvolgimento degli stessi operatori. A breve, infine, verrà convocata una riunione tecnica, proprio per avvicinarsi a questo obiettivo.